+39 035 8361299 | info@orobicafood.com

Articolo Italia a Tavola – Settembre

Articolo Italia a Tavola – Settembre

OROBICA FOOD VI GUIDA ALLA SCOPERTA DEL RE DEGLI ORTAGGI: IL POMODORO

Ad oggi, il pomodoro è indiscutibilmente l’ortaggio più usato e consumato dagli italiani (e non solo…); che si tratti della cucina di un ristorante stellato, della pizzeria sotto casa o della nostra cucina, questo ingrediente è senza dubbio il re incontrastato degli ortaggi.

Persino un grande poeta come Pablo Neruda ha dedicato un’ode a questa eccezionale verdura: “…il pomodoro, astro della terra, stella ricorrente e feconda, ci mostra le sue circonvoluzioni, i suoi canali,
l’insigne pienezza e l’abbondanza senza ossa, senza corazza, senza squame né spine, ci offre il dono
del suo colore focoso e la totalità della sua freschezza.” – Pablo Neruda, “Ode al pomodoro”.

Prima però di diventare quello che oggi è uno dei prodotti più apprezzati sulle tavole di tutto il mondo, il pomodoro, ha dovuto attraversare un inizio poco fortunato.

Al suo arrivo in Europa nel 1540 grazie al conquistador Hernan Cortes, il pomodoro, che nella sua terra natia, Messico e Perù, era apprezzatissimo, fece fatica a conquistare la benevolenza e l’approvazione della popolazione locale.

Solo 50 anni dopo, all’inizio del 1600, quando giunse nel sud Italia, trovando un clima adatto, diede origine a frutti grossi e rossi, cominciando così a riscuotere successo.

Nacque così la cultura del pomodoro, un alimento ricco di principi nutritivi benefici. Possiede poche calorie, è ricco di acqua, proteine, sali minerali, fibre e carboidrati. Un ortaggio tanto semplice quanto gustoso e versatile. Sono infatti numerosissime le preparazioni che derivano da questo prodotto.

Una tra queste è la polpa di pomodoro, caratterizzata da un sapore fresco e leggermente acido. Viene preparata con pomodori privati dei semi e tagliati a pezzetti piccoli uniti al succo di pomodoro. La si utilizza solitamente per cotture lunghe o ad alta temperatura, ma può essere impiegata anche sulle bruschette in sostituzione del pomodoro fresco.

Un secondo derivato sono i pomodori pelati: pomodori interi, in genere di forma allungata, privati della pelle, scottati e immersi in salsa. Sono ideali per preparazioni veloci e dal gusto dolce ma intenso. Ottimi come condimento di pasta e pizza.

Anche la passata deriva dal pomodoro: è il prodotto che rimane più liquido perché i pomodori sono completamente triturati e mantengono così tutta la loro acqua. La si può utilizzare semplicemente dopo averla scaldata ed ha un sapore aromatico e deciso.

Dal pomodoro si ricavano anche la salsa, che è preparata aggiungendo cipolla, sedano e olio extravergine di oliva ed è utilizzata per condire la pasta e come base per sughi più elaborati, e il succo di pomodoro che si può gustare al naturale oppure condito con sale, pepe e basilico.